Crea sito

Caro Johnny ti scrivo – storie di ordinarie primarie


Primarie
Caro Johnny,
eccomi di nuovo qui, ad inondarti di chiacchiere pur di provare a placare la mia ira funesta. Hai presente il Pelide Achille, caro Johnny? Hai presente quando il suo “amico del cuore” Patroclo fu trucidato davanti ai suoi occhi? Hai presente come si sgolò sotto le mura di Ilio per chiamare quel gran zuzzurellone di Ettore? Hai presente Johnny, quanto gli giravano le palle? Ecco mio caro, lui rispetto a me in questo momento, era una personcina tranquilla e a modo.
Vuoi sapere perché sono così gioviale, mio caro amico? Il motivo è semplice: le primarie del PD.
Ma partiamo dal principio. Ieri sera, ad urne chiuse, non si poteva non discutere dei risultati di queste fantomatiche primarie, splendido esempio di democrazia messo in atto dal PD per cui siamo tutti chiamati a scegliere il segretario della coalizione di centro-sinistra (ma non chi occuperà i seggi in Parlamento: vedi sistema delle liste bloccate. Ah, quanta democrazia!). I primi motivi di screzio sono nati quando alcuni dei miei commensali hanno amabilmente e candidamente dichiarato di aver votato (quella mattina, come al turno precedente) per il buon Pier Luigi Bersani, non perché profondamente convinti dei suoi contenuti politici, non perché ammaliati dalle sue fantastiche metafore (<<meglio un passerotto in mano, che un tacchino sul tetto>>: una dichiarazione di autoerotismo o uno splendido esempio di ars orandi?), semplicemente perché GLI ERA STATO CHIESTO. La gravità di quanto successo non è soltanto nel fatto che si voti qualcuno perché qualcun altro “ci ha chiesto di farlo”, quasi come se il nostro coinquilino ci chiedesse di comprargli un pacchetto di sigarette. No, non è solo di questo che si tratta. Si tratta del fatto che evidentemente nessuno era attento, alle scuole medie, durante le lezioni di educazione civica, e nessuno evidentemente è stato mai attento durante le lezioni di storia. È gravissimo che in un paese cosiddetto sviluppato e civile, i cittadini si rechino a votare con tanta leggerezza, senza rendersi minimamente conto del diritto che si sta esercitando in quel momento, del sangue che è stato versato per questa conquista, il voto. È gravissimo che non ci si renda minimamente conto che quella scelta, quando si entra nelle cabina elettorale, quando si posa la matita sulla scheda, quando si ripone quest’ultima nell’urna, influenzerà la tua vita e quella di tutti i tuoi concittadini.
Diciamoci la verità, votare in questo paese è già di per se avvilente, considerato il panorama politico che abbiamo davanti, ma pensare che tra chi si reca alle urne c’è gente che non sa nemmeno che sta votando per le primarie di una coalizione è un altro dato avvilente.
Ovviamente non è finita qui. Non so se essere contenta o meno del fatto che tra i presenti ci fosse anche un convinto. Una persona che ha votato felicemente Bersani, che esplodeva di gioia per il risultato raggiunto, che ha fieramente dichiarato che la vittoria di Bersani rappresenta il ritorno della sinistra, quella vera. Sarà, ma io credo che nei miei 23 anni di vita, di sinistra ho sempre solo sentito parlare, al massimo della sinistra, quella vera, ho letto sui libri di storia, ho visto le foto (mi viene subito in mente la foto di Berlinguer fuori ai cancelli della FIAT, al fianco degli operai). Mi chiedo cosa ci sia da festeggiare; mi chiedo come si faccia a credere che Bersani rappresenti la rinascita della sinistra; mi chiedo chi c’era in parlamento quando è stata approvata la riforma del lavoro; mi chiedo chi ha appoggiato il governo tecnico; mi chiedo cosa stesse facendo questa sinistra mentre le misure di austerity venivano approvate ed osannate come unica medicina per guarire dalla crisi; mi chiedo quanta fatica faccia un essere umano per ricordare gli ultimi mesi di governo, gli ultimi mesi di questa nostra Repubblica; mi chiedo se sia troppo chiedere ai miei concittadini di pensare e provare a ricordare prima di recarsi alle urne.

Bisognerebbe che ci si soffermasse un attimo a riflettere su cosa vuol dire andare a votare, ma forse è semplicemente vero che ogni popolo ha il governo che si merita.

S. la Studentessa

 

Apri il tuo blog su Lo Scalpello

, , , , , ,

10 Responses to “Caro Johnny ti scrivo – storie di ordinarie primarie”

  1. felice monda
    4 dicembre 2012 at 09:18 #

    articolo fantastico…pubblicato anche su system failure(http://systemfailureb.altervista.org/)

    • S.
      4 dicembre 2012 at 19:38 #

      Grazie mille Felice! Spero continuerai a seguirci e magari a collaborare con noi.
      A presto.

  2. Francesco
    3 dicembre 2012 at 21:45 #

    Se Bersani è il nuovo che avanza siamo messi proprio male… ormai dubito che gli italiani si sveglieranno… rassegnamoci raga, non ci resta che andare all’estero!

    • S.
      3 dicembre 2012 at 22:46 #

      Spero ancora di non dover essere costretta a lasciare il mio paese… sarò forse ingenua, ma vorrei poter restare. O almeno andarmene non perchè in Italia non ci sono prospettive, ma per mia sola scelta.
      Grazie comunque per il commento. Continua a seguirci
      A presto.

  3. Ale
    3 dicembre 2012 at 16:25 #

    Purtroppo sono d’accordo con l’ultima affermazione.. ogni popolo ha il governo che si merita!!! Speriamo che gli italiani si sveglino e inizino a meritare un governo diverso 🙂
    Comunque complimenti. Divertente e di riflessione 🙂

    • S.
      3 dicembre 2012 at 21:34 #

      Grazie mille Ale. Spero come te che i nostri concittadini si sveglino.
      Mi fa molto piacere che ti abbia anche fatto divertire, era quella l’intenzione.
      Spero continuerai a seguirci.
      A presto.

  4. Antonio Caronia
    3 dicembre 2012 at 15:39 #

    Te l’avranno già detto, ma guarda che era Patroclo, non Paride. Paride era troiano, e fratello di Ettore.

    • S.
      3 dicembre 2012 at 16:13 #

      Ecco, visto? Dannata qualità dell’Istruzione… fa acqua da tutte le parti! 😀
      O sarà Paride che soffre di manie di protagonismo? Non gli sarà bastato aver scatenato quel po’ solo per una bella gnocca? Ok, basta, la smetto.
      Grazie mille per avermelo fatto notare. Spero continuerai a seguirci.
      A presto.

      • Marta
        3 dicembre 2012 at 20:59 #

        Scrivi molto bene….brava!!!(o bravo??ora mi viene il dubbio :/ ) tra l’altro sono perfettamente d’accordo con tutti i concetti espressi….una sola cosa….spero che invece tu nn sperassi in una vittoria di renzi…xkè in quel caso peggio che andar di notte…:S

        • S.
          3 dicembre 2012 at 21:18 #

          Ciao Marta,
          innanzittutto ti ringrazio per il complimento. Sei davvero molto gentile 🙂
          Tranquilla, non speravo affatto nella vittoria di Matteo Renzi, sinceramente non speravo proprio in nessuno. E’ questa la cosa che mi fa più rabbia in realtà.
          Ad ogni modo, per dissolvere ogni dubbio sulla mia sessualità ti lascio il post di presentazione del mio blog XD
          A presto, spero che continuerai a seguire Lo Scalpello.

          http://loscalpello.altervista.org/caro-johnny-ti-scrivo-studentessa-choosy/