Crea sito

Referendum 17 aprile: le trivelle inquinano?

Le trivelle inquinano? SI.

Lo dicono gli ambientalisti? NO, la legge e i gestori delle trivelle. Vediamo?

La legge italiana conferma e scrive apertamente, e in modo inequivocabile, la normativa che deve regolamentare le attivita’ economiche che inquinano.

Questi tipi di attivita’ vengono infatti, stesso per legge, catalogate come attivita’ dannose per l’ambiente e l’ecosistema..

Cosa fa quindi la legge?

“Limita” i danni. E’ stato infatti creato lo strumento delle “SOGLIE” di sicurezza. Avrete sentito spesso usare questo termine in tv e sui giornali. Quando si parla di industrie, citta’, smog, che “superano o restano nelle soglie stabilite dalle legge”. Lo avete sentito?

Questo e’ il meccanismo di “sopportazione dell’inquinamento”.

Che significa?

Come dicevamo per certe attivita’ non esistono modi per evitare l’inquinamento, allora la legge non vieta tali attivita’, ma fissa dei tetti massimi di inquinamento da non superare. Non e’ vero? certo che lo e’. Infatti esiste proprio una legge che si chiama “Norme in materia ambientale” – Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152 – in particolare articolo 267:

“Ai fini della prevenzione e della limitazione dell’inquinamento atmosferico, si applica agli impianti, inclusi gli impianti termici civili non disciplinati dal titolo II, ed alle attivita’ che producono emissioni in atmosfera e stabilisce i valori di emissione, le prescrizioni, i metodi di campionamento e di analisi delle emissioni ed i criteri per la valutazione della conformita’ dei valori misurati ai valori limite”. (Potete verificare sul sito del Governo)

Le TRIVELLE inquinano? SI.

Le trivelle rientrano in queste attivita’. Si conoscono anche esattamente i gas emessi nell’aria durante le lavorazioni. La stessa Eni, proprietaria di 96 piattaforme marine in Italia, ha rilasciato un rapporto nel 2014 in cui e’ possibile vedere con facilita’ tutte le sostanze emesse ogni giorno tutti i giorni da questi impianti.

SO2 = Anidride Solforosa = forte gas irritante per le vie respiratorie. Esposizione prolungata, anche in concentrazioni minime (sull’ordine di miliardesimi) comporta faringite, affaticamento respiratorioe disturbi a carico dell’apparato sensoriale. La principale fonte di inquinamento è costituita dalla combustione di combustibili fossili (carbone e derivati del petrolio) in cui lo zolfo è presente come impurezza.

NOx = Monossido di azoto = irritante per occhi e tratto respiratorio. Inalazione di queste sostanze sono causa di edema polmonare, ed ha effetti sul sangue, come la formazione di metaemoglobina (ossidazione ferrosa delle molecole responsabili del trasporto di ossigeno nel nostro sangue)

CO = Monossido di carbonio = gas velenoso, insidioso quanto inodore, incolore, insapore. Penetra facilmente attraverso pareti e soffitto. Si lega saldamente allo ione del ferro nell’emoglobina del sangue, che quindi rilascia piu’ difficilmente ossigeno ai nostri tessuti. Intossicazione da CO conduce a stati di incoscienza (il cervello riceve via via meno ossigeno), e/o ala morte per anossia. Il monossido svolge un ruolo tossico all’interno dei nostri mitocondri (addetti alla respirazione cellulare). Gli effetti sono piu’ rapidi sui bambini, perche’ il CO tende a stratificarsi al suolo.

FONTE ufficiale = IFA Gestis – database internazionale delle sostanze dannose

Quantita’ delle emissioni? Eccole

Un camino termodistruttore V580-FJ-951 della Eni (quelli alti, rossi e bianchi che potete vedere in tantissimi tipi di impianti) emette nell’aria 40 mila 827 Kg di Anidride Solforosa (SO2) ogni anno , il limite previsto dalla legge e’ di 77 mila 860 Kg. Ancora, emette 32.975,9 Kg di Monossido di azoto (NOx) l’anno, e il limite consentito dalla legge e’ di 109.000 Kg. (Fonte ufficiale Eni)

Tutto ok quindi?

Questo giudicatelo voi. La domanda non e’ piu’ se gli impianti di estrazione e lavorazione del petrolio inquinano. INQUINANO. Quindi la nuova domanda e’: a voi sta bene che non vengono superati i limiti di legge (e quindi accontentarsi comunque di oltre 1000 tonnellate l’anno di NOx, so2 e CO); oppure volete iniziare a pensare a strumenti di energia che di limiti non ne superano, perche’ non emettono proprio nulla?


 

Chi guadagna con le trivelle? Le trivelle e l’estrazione inquinano? Senza trivelle paghiamo di piu’? Senza trivelle avremo meno energia elettrica? Tutte le BUGIE e i dovuti approfondimenti per votare responsabilmente, con argomentazioni estratte da fonti governative e ufficiali (riportate sotto gli articoli) (torna alla pagina Referendum17aprile) spiegate in modo semplice, pratico e veloce.

FONTI:
Qui tutte le fonti ufficiali usate per l’articolo.

, , , , , ,

Comments are closed.